Telemedicina per farmacia: detrazione sì o detrazione no?

Telemedicina per farmacia: detrazione sì o detrazione no?

Se state valutando l’acquisto di un sistema per erogare prestazioni di telemedicina in farmacia, vi sarete chiesti se la spesa per l’impianto possa essere detratta oppure possa godere di altre agevolazioni o finanziamenti.
Il 2022 è un anno in cui sono in vigore diverse possibilità per le farmacie che stanno pensando alla telemedicina: sono applicabili universalmente?
Scopriamolo insieme!

Di quali benefici fiscali gode la telemedicina per il 2022?

Innanzitutto bisogna premettere che all’interno dell’ambito telemedicina sono compresi tanti mondi e dispositivi diversi fra loro. Dare una risposta univoca sarebbe quindi fuorviante, perché ogni incentivo o sgravio fiscale può avere requisiti che si adattano ad una categoria o a un singolo dispositivo ma non ad un’altra o altro affine. Quando parliamo di benefici fiscali per la telemedicina della farmacia quindi, ciò che è più corretto fare è scendere nel dettaglio della singola tecnologia.

In questo momento sono attivi, ad esempio, il credito d’imposta 4.0, il credito d’imposta per il Mezzogiorno e il PNRR per farmacie rurali: per ciascun caso però vanno verificate le caratteristiche della tecnologia in questione.

Ogni tipo di telemedicina può accedere al credito d'imposta Industria 4.0?

Il credito d’imposta per il pacchetto Industria 4.0 offre la possibilità di recuperare una buona percentuale dell’investimento fatto in innovazione. Fra i beni agevolati ci sono i beni strumentali 4.0, fra cui possono rientrare anche dispositivi di telemedicina, di cui si recupera il 40% in credito d’imposta (per investimenti fatti nel 2022).

L’opportunità è interessante, non è però automatico che i dispositivi e sistemi di telemedicina siano sempre coerenti con i criteri dettati dalla normativa. In un panorama come quello attuale, in cui il mercato della telemedicina è in continua evoluzione ed espansione, la lettura di questa questione è complessa. La miglior strategia è quindi verificare direttamente la singola tecnologia e non generalizzare, per non incorrere in amare sorprese.

Il produttore di un sistema di telemedicina per farmacia, che rispetti i requisiti necessari per avvalersi di questo beneficio fiscale, di norma fornisce un’attestazione: il documento conferma la percorribilità della strada del pacchetto Industria 4.0.

Telemedicina e PNRR: esempi di sistemi finanziabili

Per capire quali tipi di telemedicina rientrano fra quelli finanziabili con il PNRR per farmacie rurali, è necessario fare riferimento all’elenco di tutti gli interventi e dei dispositivi finanziabili da bando. Ad esempio, la lista cita alcune prestazioni di telemedicina (DM 16-12-2010) in ambito di prevenzione e monitoraggio patologie cardiache, cardiocircolatorie e respiratorie, come l’elettrocardiografo, l’elettrocardiogramma dinamico, lo spirometro e il registratore per il monitoraggio dinamico della pressione arteriosa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
TELEMEDICINA

PNRR per farmacie rurali in 6 passi

PRODOTTI

FarmaTest: test rapidi in farmacia

SCRIVICI   |   CHIAMACI

Contattaci

Ascoltiamo le tue esigenze e costruiamo un progetto su misura per la tua farmacia, consigliandoti ciò che è realmente funzionale per i tuoi obiettivi.

Preferisci contattarci telefonicamente? CHIAMACI